Skip to main content
News

Giochi, Gennatiempo:”Inviata a Banca d’Italia, Mise e Mef lettera per denunciare diniego dell’accesso al credito per aziende dell’amusement da parte di istituti bancari ”

By 20/09/2017Marzo 15th, 2019No Comments

“In Italia vige una sorta di discriminazione nei confronti degli apparecchi a vincita in denaro che di riflesso sta portando gravi implicazioni anche per quelli creano socialità e svago a bassissimo costo. Incredibile che si neghi l’accesso al credito anche al settore dell’intrattenimento puro: serve un intervento immediato del governo”.

Così Marco Gennatiempo, vice presidente dell’Associazione Nazionale Sapar, commentando la notizia dell’invio da parte dell’Associazione di una lettera indirizzata alla Banca d’Italia, Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero dell’Economia e delle Finanze, nella quale si sollecita un loro intervento per problematiche segnalate da diverse aziende afferenti a difficoltà nella concessione del credito da parte di diversi istituti bancari operanti sul territorio nazionale in riferimento alla richiesta di finanziamenti legati all’acquisto di apparecchi da gioco da puro intrattenimento.

“Il documento è stato redatto con l’augurio di liberare l’accesso al credito per le aziende che investono nel settore dell’intrattenimento puro quali flipper, calciobalilla, simulatori, ecc. –  ha dichiarato Gennatiempo – . È necessario e non più procrastinabile il ripristino delle produzioni e distribuzioni, nonché la creazione di luoghi idonei alla socialità”.

Condividi