in evidenzaNews

“Endrizzi faccia pace con se stesso”

11/06/2019

Non ci sorprende che un parlamentare dell’attuale maggioranza gialloverde dica tutto e il contrario di tutto quando in materia di gioco di Stato si avvita su indagini introspettive e sociologiche parlando di “carenza genitoriale che produce danni devastanti ai figli fino all’abbandono scolastico e alla probabilità di diventare giocatori d’azzardo”.

Il ragionamento di Endrizzi, al quale vorremmo chiedere come mai il suo governo è in forte ritardo sulla normativa nazionale di regolamentazione del gioco pubblico, fa troppe grinze. Al momento ha prodotto solo danni ad un comparto che lo stesso Endrizzi vorrebbe cancellare assicurandosi al contempo ulteriori entrate con la tassazione applicata a gestori e operatori del settore per sostenere i costi del reddito di cittadinanza che fino a questo momento non ha dato alcun posto di lavoro ma solo beneficenza e assistenzialismo.

Sì perché la riduzione della spesa che tutti invocano come elemento di contrazione del gioco d’azzardo appare in netta controtendenza con quanto accade. Ma questo nella realtà dei fatti non può che far piacere allo Stato il quale incassa di più anche a fronte della riduzione del “pay out” che colpisce in modo univoco le tasche del giocatore.

Lo capisce anche un bambino alla Playstation che la riduzione delle probabilità di vincita non rappresenta un deterrente per il giocatore, potenziale ludopatico, ma esattamente il contrario per gli effetti che il meccanismo innesca. Quando Endrizzi parla di coerenza della legge nel mantenimento del gettito a condizione di incrementare la tassazione, si rasenta il paradosso e si manifesta con chiarezza l’inganno poiché gli oneri del prelievo fiscale plurimo attuato con le manovre di bilancio non colpiscono il giocatore ma tutti gli attori della filiera, dal gestore all’ultimo dei lavoratori provocando pesanti ripercussioni sul piano occupazionale e sull’intera industria del Gioco.

Ma questo Endrizzi, che deve far pace con se stesso, non lo dice. Dunque lo Stato intende far cassa nascondendo la polvere sotto il tappeto. In questo caso la parte dello struzzo la fa Endrizzi il quale mente a se stesso quando evoca il contratto di governo e le misure da attuare per contrastare il gioco d’azzardo che se di Stato è , d’azzardo non potrebbe essere considerato.

Insomma Endrizzi racconta frottole quando sostiene che il suo governo si impegna a fronteggiare il gioco d’azzardo il cui contenimento rientra in azioni più organiche ma che difficilmente saranno attuate se non dopo aver riorganizzato il settore, aver garantito piena occupazione a tutti i lavoratori del comparto e aver individuato altre fonti finanziarie dalle quali attingere denaro per far fronte a misure di sostegno del reddito, piuttosto che distruggere in Italia la terza industria in ordine di fatturato.

Condividi

I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare in maniera diretta i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.