Skip to main content
in evidenzaNews

Stiamo in mano a questi qui.

23/03/2021

La sindrome dell’amnesia selettiva del Comitato Tecnico Scientifico.

I consiglieri del Presidente Draghi non conoscono i protocolli che convalidano.

Lo scorso ottobre lo stesso comitato tecnico scientifico ha dichiarato a basso rischio i punto di gioco fisico che avessero seguito i protocolli di sicurezza che trovate QUI.

Ma pare che non sappiano quello che convalidano visto che ora vengono colpiti da improvvisa amnesia selettiva.

Dichiarano o quanto segue:

...caratteristiche elevate per il rischio di aggregazione che si svolgono esclusivamente in locali al chiuso.

FALSO
Il numero dei clienti è contingentato, non esistono assembramenti. Fin da prima del Covid anche il numero degli apparecchi è contingentato in base ai metri quadri quindi l’ingresso dei giocatori è comunque sempre stato limitato.
A differenza di altre attività dove intorno allo stesso tavolo posso sedersi fino a 6 persone senza mascherina nei locali da gioco ogni apparecchio può essere occupato da una sola persona (con mascherina) e più in generale la presenza per metro quadro è esattamente in linea con le altre attività produttive.

Tali esercizi che, come esplicitato, si svolgono quasi esclusivamente in spazi confinati per la connotazione intrinseca dell’organizzazione delle attività di gioco, presentano notevoli complessità nella prevenzione del contagio, anche per le numerose evidenze di utilizzo di superfici di contatto promiscuo.

FALSO
I protocolli di sicurezza che il CTS ha dimenticato di aver convalidato prevedono la sanificazione di ogni apparecchio per ogni giocatore.

Un ulteriore elemento di complessità è legato alle attività statico-dinamiche dei lavoratori e dei clienti senza la possibilità di previsione dell’utilizzo della mascherina da parte di tutti i presenti negli ambienti.

FALSO
I protocolli di sicurezza concordati con CTS prevedono l’obbligo per tutto il personale nonché per la clientela di indossare sempre la mascherina.

...anche in relazione al consumo di alimenti e bevande e del fumo di tabacco che avviene nei locali da gioco.

FALSO
I protocolli di sicurezza sono esattamente come quelli di altre attività e proprio per la presenza di fumatori in sala gli impianti di aerazione sono enormemente sovradimensionati e perlopiù si tratta di impianti di aspirazione e non di condizinamento o semplice riciclo.

... che anche in altri Paesi, le attività di gioco risultano tra quelle oggetto di maggiore cautela e destinatarie di misure restrittive analoghe nell’attuale contesto epidemiologico.

FALSO
In Inghilterra sono rimaste aperte per tutto il periodo estivo e più in generale la chiusura è legata allo stato di contagio della singola zona. In Francia e in Germania e nella maggior parte delle altre nazioni le attività ricreative sono equiparate a bar e ristoranti, quindi ove si può andare a ristorante si può anche andare a giocare in sicurezza.

Solo in italia anche in regime di zona bianca siamo costretti a restare chiusi! E senza motivo alcuno.

E’ imbarazzante il pressappochismo e la superficialità con a cui milioni di Italiani viene limitata la libertà personale.
“Scienziati” che decidono in base all’umore, o di come si sono alzati la mattina della nostra vita.

Condividi