Skip to main content
Comunicazioni ai Soci

Chiarimento ADM riforma apparecchi di cui all’art.110 comma 7 del Tulps.

03/08/2021

E’ stata diramata la circolare nr. 32/2021 con cui l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha chiarito alcuni passaggi operativi della riforma del settore degli apparecchi di cui all’art.110 comma 7 del Tulps.

In particolare sono stati innanzitutto chiariti dei termini relativi alle verifiche tecniche di conformità ed alle richieste dei nulla osta provvisori per gli apparecchi attualmente esistenti:
a partire dal 15 Ottobre 2021 sarà possibile procedere alle richieste telematiche di verifica tecnica di conformità.
Sempre a partire dal 15 Ottobre 2021 sarà possibile presentare,a mezzo della modulistica messa a disposizione da Adm, le autocertificazioni relative ai nulla osta provvisori degli apparecchi attualmente esistenti (ciò sarà possibile fino al 31/12/2021).Tali nulla osta saranno rilasciati a far data dal 15 Novembre 2021.
A partire dal 31 Ottobre 2021 saranno rilasciate le prime certificazioni derivanti dalla trasmissione degli esiti delle verifiche tecniche di conformità.
A partire dal 15 Novembre 2021 sarà possibile richiedere i nulla osta per la distribuzione e la messa in esercizio relativi agli apparecchi per cui è stato rilasciato il certificato di esito positivo della verifica tecnica di conformità.
A partire dal 15 Dicembre 2021 sarà possibile procedere alla restituzione dei nulla osta per la sospensione dell’Imposta Isi, comunicare i cambi di ubicazione e di titolarità nonchè le richieste di dismissione.

La circolare chiarisce altresì i seguenti punti:
-le procedure di verifica tecnica di conformità per gli apparecchi meccanici già installati e per quelli installati precedentemente al 1°Gennaio 2003 di regola si svolgeranno attraverso un mero esame documentale salvo nei casi in cui l’Organismo di Verifica richieda l’esame fisico dell’apparecchio (solo nel caso in cui l’Odv dovesse riscontrare funzionalità capaci di influire sull’esito della partita, che facciano rientrare il prototipo in una tipologia diversa o che incidano sul rispetto dei requisiti della Determina si procederà all’esame fisico dell’apparecchio). Per tali apparecchi la richiesta di verifica tecnica di conformità potrà essere effettuata dal proprietario dell’apparecchio nel caso in cui la ditta produttrice sia cessata.
-Per ciò che concerne gli apparecchi prodotti o importati a far data dal 1°Giugno 2021 la verifica tecnica di conformità si svolgerà sul modello di apparecchio anche con modalità che ne consentano l’esame da remoto.
-per gli apparecchi 7 c già dotati di certificazione di conformità e per i quali occorre verificare la non azzerabilità delle classifiche e l’impossibilità della visualizzazione in ordine cronologico dei punteggi la circolare specifica che è sempre consentito il reset della classifiche e dei punteggi da parte del produttore o del manutentore in sede di manutenzione straordinaria.
-per “modico valore” si intende il valore di 20 euro oltre Iva.
-gli apparecchi simulatori sono da ricomprendere nella categoria di cui al comma 7 c bis o c ter dell’art.110 Tulps.
-gli apparecchi c.d. “vinci sempre” sono da considerarsi apparecchi comma 7 a.
-il costo specifico della partita per il singolo apparecchio è da indicare da parte del proprietario degli apparecchi, mentre il costo minimo e massimo è da indicare sulla targhetta da applicare sull’apparecchio da parte del produttore.

Condividi