Il mercato del gioco di Stato

Dati e Analisi del settore Giochi

Siamo la più antica associazione italiana di gestori del gioco di stato.
Il nostro è il terzo settore produttivo italiano, nonché ingranaggio fondamentale nel sistema imprenditoriale e occupazionale del paese.

Gioco di Stato – report 2019

Gioco pubblico come industria

In Italia la raccolta di gioco con vincita in denaro è riservata allo Stato e le imprese private che operano del settore sono tutte autorizzate mediante un complesso sistema di concessioni ed autorizzazioni: in pratica le imprese del settore svolgono un servizio pubblico, non gestiscono un prodotto del quale possono determinare il contenuto, stabilito invece direttamente dalla legge e dai regolamenti della Amministrazione competente, ossia il MEF tramite l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. La tassazione applicata agli apparecchi comma 6 a-b garantisce un cospicuo livello di gettito erariale, a differenza degli altri giochi di Stato, in quanto la parte dell’incasso trattenuto ai fini contributivi è molto elevata.

La filiera distributiva descritta nella tabella a pagg. 6 e 7 permette di verificare per ogni tipologia di gioco statale quale sia la consistenza industriale, e quindi il numero di imprese coinvolte e di valutare le conseguenti ricadute occupazionali: il settore apparecchi coinvolge nella raccolta il maggior numero di imprese e garantisce il più alto numero di lavoratori.

Piramide delle competenze del Gioco di Stato

MINISTERO ECONOMIA E FINANZE
AGENZIE DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI
TITOLARI DEI NULLA OSTA E AL 90% SOGGETTI CON SEDE ALL’ESTERO
5000 AZIENDE ITALIANE DI GESTIONE CHE OCCUPANO 150.000 DIPENDENTI E CHE RACCOLGONO IL DENARO
87.000 TITOLARI DI BAR, TABACCHI, SALE DEDICATE, SALE DA GIOCO

La filiera del gioco in Italia

Scarica il report